L’Italia alle urne; i fuori sede forse

L’astensionismo è uno dei mali peggiori della società italiana, ma lo Stato non sembra interessarsi né al disagio che lo causa né alle soluzioni.  

La morte di Elisabetta II e il destino della monarchia inglese

L’incoronazione di Elisabetta II ha segnato il passaggio da un’epoca all’altra. È possibile che ora la sua morte sortirà lo stesso effetto?  

Caro bollette e sistema sanitario: fra rischi, tagli e promesse sulla salute

Se lo Stato non deciderà di intervenire sul settore sanitario, l’aumento delle bollette potrebbe avere conseguenze fatali già a partire dal prossimo autunno.  

La campagna elettorale del PD: l’immagine di una crisi politica

La campagna elettorale del Partito Democratico è uno specchio che sembra riflettere la crisi della sinistra italiana.  

Il video della Premier Sanna Marin: il diritto all’intimità

Il video che sta circolando rischia di rovinare sia la vita politica che quella privata della seconda più giovane Capo di Stato donna del mondo.  

La Striscia di Gaza e i bombardamenti israeliani: fra iniquità militare e neutralità internazionale

L’ennesimo, e probabilmente non ultimo, bombardamento nella Striscia di Gaza: non è pessimismo, è la condizione storico-geografica dell’area.  

L’atomica iraniana: quando la paura diventa un bene commerciabile

L’Iran ha fatto sapere di essere pronto alla costruzione di un ordigno atomico; probabilmente però più che un’arma è una merce di scambio.  

Il conflitto yemenita: un dramma meno interessante delle speculazioni

Nello Yemen le scorte alimentari stanno per terminare, ma le sorti del piccolo Stato arabico non sembrano destare interesse nella comunità internazionale.  

Taiwan: tra baluardo dell’egemonia americana e simbolo dell’identità cinese

Covid, crisi energetica internazionale e guerra in Ucraina ci hanno fatto distogliere lo sguardo, ma il problema delle “Due Cine” esiste ancora.  

La crisi di Governo che non ci voleva: le dimissioni di Mario Draghi

La politica italiana si è mossa nuovamente in funzione di se stessa e non in funzione dei cittadini; questa volta però c’è l’aggravante.  

Ius Scholae: 1500 emendamenti per fermare un processo fisiologico

La Lega ha presentato 1500 emendamenti per ostacolare l’approvazione dello “Ius Scholae”, alcuni però vanno oltre il concetto di opposizione.  

Il progresso del regresso: il conservatorismo americano

L’avversione al progresso di gran parte della nomenclatura politica americana è tutta racchiusa nella possibilità di rendere illegale l’interruzione di gravidanza.