Xenonauts

Un buon titolo per gli appassionati del genere; Xenonauts è un discreto remake che però manca di incisività per ergersi a nuovo titolo di riferimento.

 

20201110 xeno 1

Di UFO Enemy Unknown sulla Tana ne abbiamo parlato in varie occasioni ma mai abbastanza. Gli dedicammo uno speciale qualche anno fa, raccontando di come abbia creato un genere nuovo, di come abbia ispirato un numero incredibile di titoli simili quasi tutti di buon livello e di come il reboot ufficiale del 2012 non sia assolutamente all’altezza dell’originale per via di una semplificazione totale del gioco.

Xenonauts è uscito nel 2014, forse come risposta indipendente per i fan che si erano visti scippare la memoria e l’onore da un XCOM Enemy Unknown indegno di portare quel nome. Xenonauts non è altro che l’originale UFO ambientato però nel 1979, in  piena guerra fredda. Questo consente di riconsegnare un’aura di credibilità al gioco, così brutalmente stravolto due anni prima.

 

20201110 xeno 4

 

Come nell’originale, dovremo gestire le nostre basi, la ricerca, l’intercettazione aerea e gli scontri a terra; insomma tutto quello che si faceva nel buon vecchio UFO Enemy Unknown, magari con una grafica semplice ma fluida ed adatta ai tempi.
Dovremo utilizzare un perfetto bilanciamento, affatto facile da tenere ai livelli di difficoltà più alti, nell’utilizzo dei nostri fondi: costruire nuove basi ed ampliare la nostra copertura radar o investire nei caccia? Fornire ai nostri soldati armi futuristiche o puntare sull’economico ma meno efficace approccio della massa male armata? I fondi sono sempre insufficienti e questo è uno dei punti di forza del titolo: saremo sempre con l’acqua alla gola e ogni singola scelta è frutto di ponderazione e strategia, e considerando che questo spesso non è sufficiente la tensione è alta sia per quanto riguarda la gestione economica che per i combattimenti aerei e terrestri.

 

20201110 xeno 2

 

Proprio questi ultimi sono difficilissimi; restando sempre indietro rispetto alla tecnologia aliena, i nemici si palesano letali e duri da abbattere. Fortunatamente potremo muoverci tatticamente sulla mappa senza rischiare di spawnare nuove pattuglie come nell’esecrabile titolo menzionato prima; qui manovrare ed aggirare paga. Ovvero, usare la materia grigia.

Rispetto al buon vecchio UFO però Xenonauts manca di varietà; è necessario scaricare una serie di mappe create dalla comunità per vedere dei terreni di battaglia che non si ripetano all’infinito. Che fine ha fatto il geniale campo di battaglia randomicamente (pardon, proceduralmente) generato dell’originale?
Anche l’interfaccia di combattimento non è il massimo; a partire dalla difficoltà di capire precisamente la posizione degli oggetti in trasparenza (quelli che il gioco fa parzialmente sparire per permetterci di vedere dietro), allo scomodo uso dei punti azione riservati quando vogliamo usare una granata, fino al tasto destro del mouse usato sia per ruotare i nostri soldati che per aprire/chiudere le porte… potete immaginare i problemi che questo comporta.

 

20201110 xeno 5

 

I nemici sembrano avere un’idea della nostra posizione, all’inizio della missione non è raro essere circondati ed assaltati da più lati e nel combattimento ravvicinato si girano sempre nella direzione a noi più scomoda; potremmo voler giustificare questo comportamento se avessero uno scanner di movimento, ma frugando tra i cadaveri non ve ne è traccia. A parte questo i combattimenti sono molto tesi, ma non come quelli dell’originale. Manca qualcosa che non so ben identificare; forse il fascino della memoria o il fatto che il bestiario non è accattivante come quello di UFO, o il fatto che le mappe sono più piccole e le truppe nostre e nemiche circa la metà di quel che potremmo aspettarci (si inizia con un massimo di 8 soldati).

La ricerca è semplificata: le autopsie sono automatizzate come le investigazioni sugli ufo abbattuti. Rimangono a disposizione quelle sulle nuove tecnologie e su alcuni reperti recuperati in combattimento. Non si capisce bene il perchè di questa differenza, visto che trovare la pappa pronta non è qualcosa che si ci aspetta da un titolo di questo tipo.

 

20201110 xeno 3

 

Ci sono però anche alcune innovazioni interessanti e utili: intanto se dovessimo perdere un caccia durante uno scontro aereo non dovremo ricomprarlo ma verrà lentamente riparato. Esiste poi un minigioco durante i combattimenti aerei semplice ma ben sviluppato e veramente intrigante, che permette di sviluppare tattiche personali e differenti a seconda dell’ufo (o degli ufo!) da abbattere. Non è necessario combattere a terra dopo ogni abbattimento di UFO (possiamo mandare i caccia a finire il lavoro, al prezzo di un minore introito per i materiali rivenduti); molto utile anche il poter scegliere il posizionamento dei nostri soldati all’interno del mezzo di trasporto, per farli uscire in base alle nostre priorità (ma perchè non mettere questa fase prima dell’inizio della missione, che uno si scorda?).

 

20201110 xeno 5

 

Ci sono altre scelte rivedibili, come il dover gestire l’armamento dei nostri soldati e la selezione di quali soldati mandare in battaglia messi su due schermate completamente scollegate, o quella dei veicoli di terra dove non è facile capire come metterli a bordo (tanto che poi ci si scorda di averli)… insomma cosette che potevano essere realizzate meglio ma che per fortuna non sono realmente un impedimento.

Della grafica semplice ma funzionale abbiamo già accenato; quasi fumettosa, è adatta al suo scopo; il gioco dovrebbe quindi poter girare su PC vecchi e senza grandi risorse a disposizione. Forse l’unica cosa che non rende bene sono le fiamme, posticcie e che non si spengono mai.

 

20201110 xeno 6

 

Il confronto con l’originale UFO Enemy Unknown è perso, ma Xenonauts si lascia giocare bene anche se non acchiappa come altri titoli di questo tipo. I numerosi bug che affliggono la versione originale sono superati con la Community Edition (non giocate altre versioni) e le diverse mod a disposizione rendono il gioco piacevole.

Non vi aspettate un capolavoro, ma se volete rituffarvi nel passato con una interfaccia ed un sistema di controllo più moderno, Xenonauts può essere una giusta scelta.

 

Xenonauts, 2014
Voto: 7