Evil Heroes: Giappone e Supereroi “cattivi”

Malvagi esseri si celano sotto le spoglie di potenti supereroi che sono pronti a salvare il mondo, ma che non disdegnano di sgranocchiarsi qualche umano.  

Seoul Station’s Necromancer: forse un plausibile erede per Solo Leveling

Da poco Solo Leveling si è concluso in Corea. In Italia è solo ai primi numeri, ma è già cominciata la ricerca di un erede.  

Bastard!! – Il destino in un titolo

L’Oscuro Dio Distruttore torna a far parlare di sé con un nuovo anime, ma la possibilità di vedere un finale del manga esiste ancora?  

Wind Breaker: bici e discese pericolose

Corse in bicicletta su e giù per le strade della Corea. Un manhwa con una buona premessa, ma che non brilla per cura grafica.  

Luca Novelli e il suo Laureato

Negli anni ’70-’80 Luca Novelli proponeva Il Laureato; una striscia satirica che, per molti aspetti, è attuale ancora oggi.  

D.Gray-Man: un pagliaccio ed il suo travagliato finale

Sono trascorsi diciotto anni e questo lavoro si avvia lentamente alla sua conclusione. Conoscete la storia travagliata di questa opera e della sua mangaka?  

The Reincarnated Inferior Magic Swordsman: un fantasy “confortevole”

È possibile trovare interessante un manga che propone una storia già letta, con una caratterizzazione già conosciuta ed una grafica già vista?  

Guyver: un meraviglioso lavoro destinato a non avere una finale?

Dopo trentasette anni di discontinuità editoriale, il finale è un miraggio ancora troppo lontano! È mai possibile trattare i lettori in questo modo?  

Ultra Alter: una storia a metà tra videogioco e realtà

Il gioco che si affaccia nella realtà è una trama ormai parecchio sviscerata, ma questo lavoro ha decisamente molto potenziale ancora inespresso.  

Shangri-La Frontier: come collezionare videogiochi ingiocabili!

Diventare il migliore al mondo giocando solo a videogiochi pieni zeppi di bug e glitch è un’idea strampalata, ma che riserva interessanti risvolti.  

Choujin X: stile graffiante, ma trama poco originale

Un tratto oscuro e grottesco, che ti attrae dalla copertina, cela una trama molto simile a Tokyo Ghoul, il primo lavoro dell’autore.  

Boruto: l’inspiegabile necessità di essere serio

Perché ammazzare Naruto con un sequel non all’altezza? Non era meglio fare qualcosa di nuovo? Oppure c’è da pagare il mutuo? Servono soldi subito?