Il Lato Positivo: la recensione

Il Lato Positivo è un discreto film a metà fra il maturo ed il sentimentale, e che sarebbe stato ottimo se solo avesse osato di più.…

Deep Rising – Presenze Dal Profondo: la recensione

È difficile trovare film horrorifici di fantascienza che non siano emerite porcherie; Deep Rising unisce azione ed umorismo ottenendo discreti risultati.  

Sly: la recensione

Hanno litigato per tutti gli anni ottanta; potevano smettere ora che la battaglia arriva online? Ecco la risposta di Stallone alla serie Arnold.  

Ghostbusters – Minaccia Glaciale: la recensione

Tornano al cinema per la quinta volta gli Acchiappafantasmi, e anche questa volta si sente la mancanza del brio che ha contraddistinto le prime pellicole.  

Radius: la recensione

Radius è il perfetto esempio di come si possa sprecare una buona idea con una realizzazione discutibile e via via sempre meno affascinante.  

American Fiction: la recensione

Oscar a sorpresa per la sceneggiatura non originale, American Fiction non è un film indimenticabile ma un’interessante riflessione sul rapporto tra artista e pubblico.  

Il Dottor Stranamore: la recensione

Rivedere oggi uno dei film più iconici degli anni ’60 ci restituisce una pellicola in grado di resistere al tempo passato grazie alla sua ironia.  

C’è Ancora Domani: la recensione

Sono diciannove le nomination al David di Donatello per l’esordio alla regia di Paola Cortellesi; il  film le vale o è una pellicola molto sopravvalutata?  

The Outpost: la recensione

Il mondo della cinematografia non ha proposto molto sulla guerra in Afghanistan contro i Talebani; The Outpost è una discreta positiva sorpresa.  

The Midnight Sky: la recensione

Lo spessore di George Clooney attore è indiscutibile, ma lo stesso non si può sempre dire quando si trova dietro la macchina da presa.  

Nell’Erba Alta: la recensione

Sono pochi i racconti di Stephen King che hanno ricevuto una degna trasposizione cinematografica; Nell’Erba Alta non è uno di questi.  

La Guerra Dei Nonni: la recensione

Esistono molti modi per investire novantasei minuti della propria vita: il peggiore, senza dubbio, è trascorrerli guardando questa imbarazzante commedia italiana.