Jarhead

La dura vita di un tiratore scelto nella guerra moderna.

 

20200224 jarhead1

 

Jarhead e’ ispirato alla vera storia di un Marine impegnato nella prima guerra del Golfo. Il film narra del duro addestramento in patria e della lunga attesa prima di entrare in combattimento contro le forze Irachene.

Amo i film di guerra. Mi piace veder volare piombo, sentire i boati e vedere le esplosioni, anche perche’ per fortuna sono solo ricostruzioni e nessuno si fa male. Jarhead e’ pero’ un film di guerra atipico; la parte adrenalinica del film e’ molto limitata, sia per il teatro operativo d’impiego che per la specializzazione del reparto. Ci troviamo infatti a contatto con una squadra di tiratori scelti, quindi gente che non e’ impiegata in scontri ravvicinati e che sono dispiegati nel mezzo del deserto, in una guerra veloce e dinamica dove pochissime sono le occasioni di impiego.

 

20200224 jarhead4

 

Il focus e’ quindi sulla vita cameratesca, sull’addestramento intenso (ma non ridicolmente esagerato come quello che si vede ogni tanto) e sulle differenze fra i soldati, che restano uomini ognuno diverso dall’altro. La necessita’ di attendere mesi prima di entrare in combattimento, dopo lo spiegamento in Irak, e’ degnamente rappresentato: la noia, la piattezza della vita in un accampamento nel deserto, la tensione di un conflitto che ci si aspettava lungo ed estremamente cruento (all’epoca l’Irak aveva il quinto esercito al mondo per effettivi).

 

20200224 jarhead2

 

Il regista Sam Mendez (American Beauty, Era Mio Padre) indulge molto sull’aspetto personale e psicologico dei soldati, ma senza abbandonare il carattere discorsivo ed immediato tipico della sua impronta; ed e’ bravo nell’utilizzo di riprese adatte al sottolineare il momento: un ottimo esempio sono quelle in campo lungo nel deserto, a rafforzare il senso di solitudine ed abbandono che provano i soldati in marcia sotto una pioggia di petrolio.

Il protagonista e’ rappresentato da un sempre positivo Jake Gyllenhaal (Donnie Darko, The Good Girl, Avengers: Endgame, Spider-Man: Far From Home); capacissimo nella sua interpretazione di soldato che ragiona di suo senza sfociare nella provocazione becera. Menzione per il bravo Jamie Foxx (Ogni Maledetta Domenica, Django Unchained) nel ruolo del Sergente Maggiore.

 

20200224 jarhead3

 

Jarhead e’ un film atipico. Ci si aspetterebbe fuoco e fiamme, ed invece il ritmo a passo lento la fa da padrona pur senza risultare pesante. C’e’ una costante attenzione agli aspetti meno eclatanti della vita militare, quelli piu’ personali e forse anche piu’ “animaleschi”; e’ un film che manca di appeal, che coinvolge limitatamente durante la visione ma che al tempo stesso lascia dentro qualcosa, che trasmette una sensazione di disagio, quasi di commozione. E’ un film che non e’ nulla di quel che potreste aspettarvi, e che per essere un guerresco stenta sempre a decollare. Eppure, alla fine, sentirete che ne e’ valsa la pena vederlo.

 

Jarhead, 2005
Voto: 6.5