Equilibrium: la recensione

Un film che affronta il conflitto e le contraddizioni delle emozioni, questioni eterne, profonde quanto l’animo umano, e lo fa in maniera intensa ed emozionante.  

La Principessa + Il Guerriero: la recensione

Il cinema tedesco non e’ mai stato noto per la sua qualita’. Tolti pochi autori, pochi attori, i quali spesso si appoggiano all’industria statunitense, il cinema…

2009 Lost Memories: la recensione

E se il Giappone, all’inizio della seconda guerra mondiale, non avesse mai dichiarato guerra agli USA?  

Come ho Vinto la Guerra: la recensione

Da un film potenzialmente stucchevole, si finisce a trovarsi con una simpatica e surreale critica della guerra.  

Grand Prix: la recensione

Un film eccezionale, che resta unico nel suo genere, per l’accuratezza dei dettagli, dei riferimenti storici e della riproduzione seria della Formula Uno.  

Crying Freeman – il film: la recensione

Una cagata pazzesca! Neanche mi godo i popcorn perché hanno fatto harakiri e successivamente si sono gettati nel cesso per protesta.  

I Guerrieri Della Notte: la recensione

La spettacolare fuga, reale e metaforica, di un gruppo di Guerrieri braccati per le vie di New York.  

Giorni Contati: la recensione

Premessa per chi si appresta a leggere: in questo articolo dico le parolacce! (ooooohhhh… era ora…. N.d.Cobra)  

Blek Giek: la recensione

Ogni tanto si trovano delle chicche, delle piccole perle che non bisogna accantonare; a questa categoria di pellicole appartiene Blek Giek.  

Fantasmi da Marte: la recensione

Perplessità da Marte? C’è poco da dire: la trama è abbastanza piatta; i personaggi sono ricalcati su mille altri personaggi visti in altri mille film.  

Il Signore Degli Anelli – Le Due Torri: l’altra recensione

Dall’inizio alla fine ci sono scontri epici dall’esito incerto; per fortuna non si percepisce l’effetto “tanto i buoni vincono” che molte pellicole ha rovinato.  

1941 Allarme A Hollywood: la recensione

Un film di guerra girato da Steven Spielberg con John Belushi, il suo sigaro e Hollywood sullo sfondo. In pratica la seconda follia mondiale.