01 – Il Prologo del Prologo

“C’era una volta, tanto tempo fa … Uh? No, aspetta. Non era tanto tempo fa. Solo tre generazioni, circa sessant’anni fa. Ho letto le cronache e ho ascoltato i racconti di mia nonna. Ma forse tu sei troppo giovane”.

 

Offrimi un altro boccale ragazzo e ti racconterò di come l’Oscurità strisciò fuori dalla sua tana. I Portatori di Luce, che avevano sconfitto l’Oscurità la prima volta, erano ormai morti e sepolti, e dopo i sessant’anni di pace e prosperità, i nostri regni si ritrovarono impreparati all’avvento della seconda Oscurità. In quel momento sparuti gruppi d’avventurieri provarono ad opporsi al signore e padrone delle tribù barbare, colui che fu chiamato l’Oscurità. E’ proprio lì che i nostri Salvatori … Uh? No, aspetta. Non sono sicuro che sia la storia dei nostri Salvatori. Le cronache riportavano di diversi avventurieri, ma i nomi sono stati aggiunti in seguito … chissà se sono davvero le gesta dei Salvatori …

Il primo passo nel buio è sempre il più difficile. Molti avventurieri si sono ritirati dopo averlo fatto. Molti altri non sono proprio tornati. Questo primo passo era un semplice avamposto, che non scendeva troppo in profondità. Conteneva i resoconti d’alcuni esploratori, utili informazioni che il gruppo aveva deciso di studiare prima di addentrarsi nella Roccaforte Caduta. Sembrava una missione facile, ma la dea bendata non era concorde. Ragazzo, tu cosa faresti se d’improvviso, un animale leggendario ti si parasse contro? Non venirmi a dire che l’avresti affrontato senza paura alcuna. Ti si legge in faccia che non sei pronto a combattere, proprio come non erano preparati i Cinque. Si, così furono chiamati nei resoconti. I Cinque.

 

 

Le cronache narrano di mantelli puliti, spade appena affilate e armature senza un’ammaccatura; avventurieri alla loro prima esperienza. Nessuno si sarebbe aspettato un bel niente da quell’accozzaglia di mestieranti, ed, infatti, subirono una dolorosa sconfitta … Uh? No, non morirono, ma il loro ego fu preso a calci in culo! All’inizio erano pure partiti bene. E’ inutile che ti racconto la storia di Garet Jax, lui è sicuramente il motivo per cui ora tu ti trovi qui, ai confini dei regni. Tutti voi ragazzi volete sempre essere come Garet Jax, ma all’inizio anche lui ha avuto dei problemi. Fu Garet Jax, che aveva proposto di esplorare quell’avamposto, a calarsi nell’oscurità per primo; e per primo incrociò le lame con un gruppo di Ratling. Creature disgustose! Ratti dalle sembianze umane, capaci di centrarti con un tassello di balestra anche al buio. Che schifo … fammici bere sopra per cancellare quest’orrida immagine dalla mente!

Uh! Dove ero rimasto? Ah, si! Garet Jax e “Mall”, loro due furono i primi a versare sangue … Uh? Chi era “Mall”? Non conosci la storia di Malcolm Mc Douglass? Si vede che sei giovane ragazzo. Malcolm era un nobile decaduto, un Duca! Si dice addirittura che fosse uno dei discendenti dei Portatori di Luce; o per lo meno così si racconta nelle storie di paese. Quando ho letto le cronache ufficiali, tutto questo non era menzionato. In ogni modo furono loro a versare il primo sangue, ma i Ratling erano numerosi e dovettero intervenire anche gli altri.

 

 

Ragazzo, se ti dico il nome di Red Sonja, sai già di chi parlo vero? Tutte le ballate cantano della bellissima e spietata spadaccina delle genti del nord. Ma all’inizio lei combatteva con la lancia. Non entrava in mischia maciullando il nemico in una danza fatta di sangue e arti smembrati. Fu solo in seguito a questa sonora sconfitta che decise di voler essere sempre nel vivo dei combattimenti.

Sonia, “Mall” e Garet Jax avevano ingaggiato i Ratling; chi a corpo a corpo, chi con la lancia, per tenere a distanza gli schifosi esseri delle fogne. Mentre la mischia continuava, l’arcano mago Greyus colpiva incessante con le sue magie. Lampi di luce dorata partivano dalla punta delle dita del mago ed andavano a centrare gli occhi iniettati di sangue dei Ratling … Uh? Dove sono le palle di fuoco e i fulmini? Ragazzo, anche Greyus era ancora alle prime esperienze. Palle di fuoco e fulmini verranno dopo!

 

 

Ti ho parlato del gruppo dei Cinque, ma ancora non ti ho raccontato dell’ultimo membro. Lei agisce principalmente nell’ombra, uccidendo protetta dall’oscurità. Un controsenso per un essere nato sotto il sole ed in simbiosi con la natura. L’elfa Sybil freccia d’argento, così fu chiamata dal suo popolo, era solita colpire dalle retrovie, difficilmente si affacciava alla ribalta di un combattimento corpo a corpo, ma questo lo imparò a sue spese proprio durante questa prima avventura … Uh! Ho la gola secca … versami da bere ragazzo!

Fatti fuori i Ratling, nulla si era opposto a loro, tanto che i Cinque si erano decisi ad esplorare più a fondo l’avamposto … Uh! Devi sapere ragazzo, che la dea bendata è schizzinosa, vuole sempre le sue attenzioni e quando non gliele dai, si offende e te la fa pagare. Un semplice corridoio separava i Cinque dal loro obiettivo, era fatta! Troppo presto Garet Jax e gli altri si rilassarono. Nell’ombra di quel corridoio, qualcosa si era destato. Pochi istanti ci vollero per capire in che guaio si erano cacciati, ed ancora di meno per mandare tutto a puttane! Una dannata Coccatrice, un mostro d’altri tempi che l’Oscurità aveva richiamato al suo servizio. Proprio in quel corridoio. Proprio mentre erano ad un passo dalla meta.

 

 

Oh, ragazzo! In un attimo quell’animale leggendario aveva caricato il gruppo, tre dei nostri eroi erano a terra, feriti ed incapaci di reagire. Ringraziando il cielo la Coccatrice non aveva fame e si dileguò velocemente nell’oscurità della notte, ma i Cinque furono costretti ad abbandonare l’esplorazione e tornarsene ammaccati e malconci verso la sicurezza delle mura cittadine.

Mio giovane amico, come hai potuto ascoltare, anche i Cinque hanno avuto le loro belle sconfitte, ma non si sono tirati indietro, hanno perseverato e sono riusciti nella loro impresa … Uh? No, forse non lo sapremo mai se sono proprio loro i Salvatori che hanno liberato questo mondo dalla seconda Oscurità.