Riven (2024): la recensione

Dopo 25 anni, uno dei pionieri del genere dei puzzle game, Riven, torna in una modernissima veste e soddisfa ogni aspettativa.  

Caravan Sandwitch: una rilassante avventura videoludica

Un’avventura ambientata in una Provenza post-apocalittica? Plane Toast ci porta in un’inaspettata ambientazione sci-fi a bordo di un furgone super tecnologico.  

The Invincible: la recensione

Finalmente un vero racconto interattivo: la trasposizione videoludica del libro di Stanislaw Lem è veramente ben realizzata ed assolutamente affascinante.  

The Fabulous Fear Machine: la recensione

Il gioco di Fictiorama Studios è un interessante connubio di generi, ma piacerà davvero solamente agli amanti delle storie interattive.  

Adesso possiamo anche noi generare caos e terrore nel mondo

Rilasciato The Fabulous Fear Machine, uno strategico con forti elementi narrativi che ci permetterà di seminare paranoia e paura nelle popolazioni mondiali.  

Killer Frequency: la recensione

Difficile promuovere un gioco dai dialoghi piuttosto lenti e che non bada assolutamente a rendersi credibile. Riesce Killer Frequency a compensare col gameplay?  

Neuronet: Mendax Proxy – la recensione

Per essere divertenti, le storie interattive devono compensare la passività del gameplay con una trama avvincente; è il caso di Neuronet: Mendax Proxy?  

Citizen Sleeper: la recensione

Il curioso ibrido ha una bella atmosfera ed un sistema di gioco pacato, ma è indirizzato a chi piace leggere molto ed in inglese.  

Kentucky Route Zero: la recensione

Kentucky Route Zero è un’avventura che ci pone alla ricerca di noi stessi e del nostro posto nel mondo lungo una strada che non esiste.  

Heaven’s Vault: la recensione

Tutti cercano di rappresentare la realtà nel modo più fedele possibile. Perché invece non perdersi in un mondo inventato praticamente da zero?  

Phoenix Wright: Ace Attorney Trilogy – la recensione

Non tutti amano gli avvocati, eppure quando c’è di mezzo Capcom si può arrivare a concedere una doverosa eccezione.  

Her Story: la recensione

Può considerarsi videogioco un’esperienza dove non si può sbagliare e si arriva inevitabilmente alla conclusione? Un esempio di successo può aiutarci a rispondere.