Timberborn incalza i castori con nuove difficoltà

Timberborn si aggiorna: il mondo di gioco per i nostri castori è ancora più inquinato ed inospitale.

 

 

Timberborn è il carinissimo gestionale di colonie che abbiamo trattato in un recente articolo. Nel gioco guideremo degli evoluti castori cercando di farli sopravvivere in una Terra divenuta arida e inospitale.
L’ultimo grande aggiornamento di gioco introduce alcune modifiche che ampliano notevolmente l’esperienza, cambiando totalmente la pianificazione utile a vincere la partita. La grande novità, pubblicizzata come la modifica più grande finora introdotta, consiste principalmente nell’aggiunta di acque contaminate. I nostri castori, infatti popolano aree dove la traccia dell’uomo – che ormai si è estinto per la sua irresponsabilità – sono ancora ben visibili nelle rovine delle grandi città; se dai ruderi possiamo prendere utilissimo metallo, ora le acque contaminate non sono che una pericolosa eredità dell’uomo. Oltre ad avvelenare il terreno quest’acqua contaminata può far ammalare i nostri castori.

Ora per vincere non c’è solo l’urgenza di dominare i flussi di acqua dolce, ma anche di controllare ed isolare le sorgenti ed i flussi di acqua contaminata, cercando magari di volgerla a nostro favore. Sono state quindi introdotte diverse nuove strutture utili alla gestione di questa nuova pericolosa risorsa e per la decontaminazione dei castori.
Oltre al contenuto legato alle acque contaminate sono state introdotte anche nuove strutture per lo svago dei castori così come alcune migliorie per terraformare in maniera più efficiente e pratica.

 




 

Gli sviluppatori di Timberborn, che ricordiamo essere i ragazzi di Mechanistry, hanno saputo bene come catturare nuovamente l’attenzione dei giocatori, presentando dei contenuti che di certo non spegneranno l’interesse sul gioco e che di certo invogliano ancora una volta a premere il tasto “nuova partita”.

Per condividere questo articolo: