Timberborn si aggiorna: arriva la Malacqua

Il tanto atteso e chiacchierato quinto aggiornamento di Timberborn è finalmente online; ne osserviamo con voi i punti cardine.

 

 

Torniamo a parlavi di Timberborn, il gestionale di colonie incentrato su comunità di evolutissimi ed occupatissimi castori. Nell’ultimo articolo dedicato vi abbiamo aggiornato sulle modifiche che gli sviluppatori stavano valutando per il gioco, ed ecco che dopo lunghe valutazioni e calibrazioni il quinto aggiornamento è finalmente online!
Si tratta del più grande finora rilasciato per il gioco e va a modificarne alcuni dei punti cardine, cambiando totalmente il meta della partita. In particolare è stato rivisto il sistema dell’acqua che ora include non solo quella dolce, cui siamo già pratichi, ma anche la malacqua. La malacqua sgorga in diversi punti della mappa e scorre ed inquina il terreno arrecando una gravissima minaccia sui i nostri castori.

 




 

La malacqua non è solo un pericolo ma anche una risorsa che, con grande cautela, i giocatori più arditi possono provare a controllare per produrre ad esempio la preziosa dinamite. A proposito di dinamite, ecco che anche la terraformazione è stata rivista offrendo al giocatore modi più efficaci per scavare la terra aggiungendo inoltre anche metodi per aggiungere del terreno (operazione prima non disponibile).
L’aggiunta della malacqua è accompagnata da svariate nuove risorse e strutture per domarla così come per decontaminare i nostri castori ed il terreno. A chiudere il pacchetto già ampio di novità si aggiungono anche nuove strutture per l’intrattenimento dei castori e piccoli accorgimenti che migliorano l’equilibrio del gioco. Sono ovviamente anche state riviste tutte le mappe per consentire il flusso delle nuovi correnti.

 

 

L’aggiornamento rende Timberborn ancora più accattivante e convincente, aggiungendo quel tocco di profondità e di sfida in più che non fa mai male. È questa l’occasione per avviare ancora una nuova partita nell’attesa della sua versione 1.0.

Per condividere questo articolo: