Starcraft

Pochi giochi di strategia in tempo reale possono vantare il successo e il seguito che ha avuto il capolavoro della Blizzard; sto parlando di Starcraft.

 

Starcraft è uno strategico in tempo reale che a distanza di due anni dalla sua uscita dimostra ancora la sua validità.

Il gioco ci vede protagonisti di una guerra intergalattica fra tre razze, che combattono con fini diversi. Il merito della Blizzard è di aver creato una fitta trama che lega lo svolgersi degli eventi, una trama non esente da colpi di scena, tradimenti, ecc ecc.

La Blizzard nel corso del tempo ha garantito un supporto alla sua creatura, che consta di patch che contribuiscono ad equilibrare il gioco, ed a risolvere tutti i possibili problemi per le connessioni in lan e via internet. Inoltre la quantità di materiale prodotto dai fan è veramente enorme. Passiamo ad analizzare il gioco vero e proprio.

 

 

Ci sono tre razze.

Gli Zerg: una razza di alieni, tipo insetti, governata da una mente massa, che fa del numero la sua forza; inoltre le basi Zerg possono essere costruite solo su una fanghiglia detta “creep” che è prodotta dalla base principale e via via dalle costruzioni successive. L’effetto che si ottiene, è che la base Zerg sembra sempre una “infestazione”; inoltre ogni unità o edificio Zerg, non è mai costruito ma è una mutazione continua di organismi più semplici verso strutture organiche più complesse. Insomma la prima volta che userete gli Zerg vi faranno schifo, poi li amerete, amerete la loro cieca volontà di sopraffare e distruggere.

I Terran: La razza base, i terrestri, estremamente forti in difesa, godono della capacità di poter riparare tutti gli edifici e le unità meccanizzate, oltre che poter costruire, praticamente ovunque. Fondamentalmente le unità Terran sono forti solo dopo averle sviluppate al massimo, anzi all’inizio la loro debolezza vi penalizza, ma comunque la caratteristiche migliore degli umani è la versatilità e la semplicità nell’usarli, poiché tra tutte le razze è quella che risulta più intuitiva (ma và!).

Infine i Protoss: una razza che proviene dallo spazio profondo, che non costruisce gli edifici, ma apre dei portali di energia attraverso i quali li fa arrivare sul luogo di utilizzo. I Protoss hanno bisogno dei piloni, che sono delle costruzioni che garantiscono loro la possibilità di costruire edifici e di mantenere ed aumentare il numero di truppe gestibili. Inoltre non dovendo costruire nulla, le unità base dei Protoss, oltre a lavorare per ottenere le risorse, si limitano solo a indicare dove costruire. Le unità Protoss sono spaventosamente forti e determinate, ma sono anche costose da produrre, nonché lente. È questo forse l’unico neo dei Protoss, la lentezza. Giocandoli però ci si rende conto delle loro potenzialità, sopratutto alcune abilità secondarie delle unità, se sfruttate a dovere, possono risultare veramente pericolose, tipo il “recall” degli arbiter, ed inoltre sono i più simili agli umani in termini di gioco. Badate bene, simili, non uguali.

 

 

La Blizzard garantisce il supporto del gioco via internet attraverso il server gratuito di battle.net, server che gestisce anche Diablo, 1 e 2, Warcraft 1 e 2 e naturalmente Starcraft.

Il server ha dei canali italiani, sempre molto affollati; inoltre il gioco via internet ha dato vita a vere proprie comunità di giocatori, che si radunano in clan, e sviluppano tattiche sempre più sofisticate, e partite all’ultimo sangue… Ultimo e non meno importante, è il supporto che la Blizzard ha dato al gioco, facendo uscire una espansione, Brood War con nuove unità, nuove strategie di gioco, e un’intelligenza artificiale ancora più sofisticata. Prova adesso a giocare contro tre PC e vincere…

Il gioco contiene anche un editor molto sofisticato, che garantisce al gioco stesso una vita pressoché illimitata. Se vi piacciono quindi gli strategici in tempo reale, vi consiglio caldamente di provarlo, sopratutto anche contro altri giocatori umani; sarà un’esperienza indimenticabile, anche perché il gioco in lan supporta fino a 8 giocatori. Non ci sarà mai più pace nella galassia…

Per condividere questo articolo: