Take Two compra Codemasters: cambiamenti in vista?

Quale sarà il futuro di Codemasters ora che è passata sotto il controllo di Take Two? Ci sarà un rinnovo nello stile dei suoi giochi o continuerà sempre più verso una deriva casual?

 

20201112 taketwocodemasters 1

 

Take Two è un nome importante nel mondo videoludico. Con un fatturato ben oltre il miliardo di dollari annui, la compagnia è dietro software house di rilievo come Rockstar e 2K che sono gli artefici della saga di Borderlands, di Bioshock, dei discutibili GTA, dei vari Civilization, dei più recenti X-Com e degli sportivi 2K (NBA e NHL) solo per citarne alcuni.
L’acquisizione di Codemasters, ufficializzata in questi giorni, apre nuovi scenari.

Codemasters è una software house in circolazione dalla metà degli anni ’80 e che si è specializzata sui titoli di corse: dagli storici TOCA Racing e Colin McRae Rally fino ai più recenti Grid (di cui abbiamo recensito il positivo Autosport) ai vari Dirt e Dirt Rally, passando per la serie di F1 e WRC (i titoli ufficiali dei campionati di Formula 1 e World Rally Championship) fino a Project Cars: tutti titoli di primo piano nel loro settore.

 

20201112 taketwocodemasters 2

 

Nella maggior parte dei titoli della Codemasters c’è un compromesso fra simulazione e lato arcade, che in molti dei giochi più recenti ha lasciato un pò l’amaro in bocca a molti giocatori – a cominciare dal voler centrare l’attenzione sulla spettacolarizzazione delle corse tralasciando gli aspetti tecnici del gioco ed il gameplay in particolare. La mancanza di specializzazione, unita ad un diluvio di DLC per ogni titolo, non ha certo messo sotto buona luce Codemasters, che ha pubblicato Dirt 4 e Dirt Rally 2.0 in formato “monco”, necessitando di diversi acquisti per poterli pienamente apprezzare; lo stesso approccio della vituperata (a buona ragione) Paradox. E l’appena uscito Dirt 5 non sarà da meno.

Take Two ha spesso lasciato mano libera alle software house controllate, ma speriamo che raddrizzi la traiettoria di Codemasters, sempre più vista come uno studio di sviluppo sempre più lontano dai videogiocatori e interessata principalmente a far cassa.

Lascia un commento