Keoken Interactive è in difficoltà; finisce nel nulla la serie Deliver Us?

Lo studio di sviluppo indipendente non riesce a trovare un publisher per i suoi nuovi giochi; è l’ennesima vittima del riflusso post-abbuffatta fatta sotto Covid.

 

 

L’industria dei videogiochi e dell’informatica in generale se la sta passando piuttosto male. Con una incredibile ondata di licenziamenti che hanno colpito praticamente tutti i più grandi gruppi del settore, sono moltissimi i progetti anche in uno stato avviato che vengono sospesi o chiusi definitivamente.
Il problema deriva dall’eccesso di offerta che si è avuto negli scorsi anni, quando sotto pandemia i giocatori hanno fatto incetta di titoli, mentre ora la richiesta ha subito una forte contrazione.

Anche gli studi indipendenti che si appoggiano a grandi publisher stanno avendo i loro problemi. È il caso di Keoken Interactive, il nome dietro ai due fratelli olandesi che con pochi altri membri hanno realizzato Deliver Us The Moon ed il suo seguito, Deliver Us Mars. Se il titolo originale, che abbiamo recensito sulle nostre pagine, ha convinto i più, il seguito non ha fatto troppa breccia nei cuori degli appassionati. Ecco perchè Keoken si trova ora la porta dei grandi publisher chiusa, publisher che in questo periodo storico sono costretti ad andare a colpo sicuro.

 




 

Keoken Interactive sta chiedendo il supporto della comunità per procedere nello sviluppo dei suoi nuovi giochi; si tratta di due seguiti diretti della serie Deliver Us (Deliver Us The Moon: Huygens e Deliver Us Home), un titolo Deliver Us dedicato a chi possiede i kit per la realtà virtuale, e due titoli originali: We Are Human, un thriller filosofico dal combattimento particolare (così in soldoni riferisce la nota stampa, non ci ho capito molto nemmeno io) ed Expeditions, uno shooter futuristico cooperativo top-down.

Per chi fosse interessato a supportare Keoken Interactive il suggerimento è di seguire il video riportato sopra; sul sito web ufficiale infatti non abbiamo trovato alcuna indicazione di come poter aiutare questo studio di sviluppatori indipendenti.

Per condividere questo articolo: