Lightyear – La Vera Storia Di Buzz: la recensione

Non tutte le ciambelle vengono col buco. Questo spin-off, invece, è un donut paffuto e pieno zeppo di zucchero glassato.  

Il Tuttofare: la recensione

Il Tuttofare è una divertente commedia italiana poco nota, inaspettatamente divertente e dal ritmo molto sostenuto.  

L’Uomo Delle Castagne – Stagione 1: la recensione

Un thriller/poliziesco interessantissimo e ben strutturato è la proposta di una sorprendente produzione danese che non ha ricevuto la giusta visibilità internazionale. Assolutamente da vedere!  

The Blues Brothers: la recensione

La divertentissima commedia di John Landis con Dan Akroyd e John Belushi è un’opera cinematografica immortale e di grande spessore musicale.  

Overlord – Stagione 1: la recensione

Un’opera fantasy sorprendente! Si esprime subito a buoni livelli grafici, di animazione e di ritmo narrativo, ma si capisce che ha potenzialità enormi di sviluppo.

Lost In Play: la recensione

Lost In Play è una bellissima avventura grafica capace di far sorridere, intrattenere e descrivere quel mondo fra realtà e magia tipico dei bambini.  

Man Vs. Bee: la recensione

L’eterna lotta tra uomo e natura selvaggia simboleggiata da Rowan Atkinson impegnato ad uccidere un’ape. Serve altro per ridere?  

The Orbital Children: la recensione

Un prodotto importante, che tratta di argomenti complicati ed attuali, con una cura grafica ed un’animazione pari alle migliori opere cinematografiche.  

Her Majesty’s Spiffing: la recensione

Se cercate un gioco di avventura leggero e divertente, Her Majesty’s Spiffing è la scelta giusta; un titolo ricco di humor inglese di alto livello.  

Stranger Things – Stagione 4: la recensione

Un sapiente e certosino lavoro narrativo ricuce tutte le trame delle stagioni precedenti per regalarci un prodotto di qualità altissima e dai toni più maturi.  

Dishonored: la recensione

Uno dei pochi giochi a garantire approcci diversi per ottenere lo stesso risultato, Dishonored è un titolo ancora valido nonostante i suoi anni.  

I Diari di Andy Warhol: la recensione

Quanto è umano un artista? Quanto è fragile? Quanto è diverso? A queste e ad altre domande risponde una delle migliori serie dell’anno.